Menu & Search

Asparagi – il Caffè

1 Aprile 2012

L’omaggio dei Romani alla divinità dell’amore. È il più inflessibile degli ortaggi. Si spezza, ma non si piega. Soprattutto quando è fresco e croccante. Perché l’asparago sbuca dalla terra con una forza sorgiva che è l’emblema stesso della primavera. Un concentrato di linfa vitale racchiusa in una trama fittissima di fibre vegetali. Con un sapore intenso e al tempo stesso delicato. Stuzzicante senza essere stucchevole. Oggi si coltiva in tutto il mondo. E i mercati europei durante l’inverno sono invasi da mazzi verdissimi che arrivano dal Cile. Ma ora è il grande momento delle varietà autoctone, che con il favore del sole si prendono la loro meritata rivincita.

Avatar
admin
Related article
Articolo sulla convivialità per La Lettura del Corriere della Sera

Articolo sulla convivialità per La Lettura del Corriere della Sera

Quest’anno Natale non si è presentato come Dio comanda. Manca…

Gli artisti, tormentati e solitari perché animati dal soffio della genialità – il Caffè

Gli artisti, tormentati e solitari perché animati dal soffio della genialità – il Caffè

Domenica su IlCaffe Settimanale ho raccontato la storia di alcuni…

La giornata del cibo: L’illusione dell’Onu di cancellare in 10 anni la fame nel mondo – Il Mattino

La giornata del cibo: L’illusione dell’Onu di cancellare in 10 anni la fame nel mondo – Il Mattino

Una parte dell’umanità non sa come fare a mangiare. L’altra…

Type your search keyword, and press enter to search