Menu & Search

Aceti – il Caffè

17 Novembre 2013

In poche gocce un aspro elisir chiamato aceto. L’aceto è il cristallo acido del gusto.  Il più sinestetico rivelatore gastronomico.  Il suo odore fa da apripista olfattivo al sapore che ci attende. E la sua puntura agrodolce ci resta sulla punta della lingua come una scia della memoria sensoriale. Viene un po’ prima e un po’ dopo il piacere del cibo. E questa sua spiritosa inattualità ne fa un imprescindibile “a priori” della cucina. Di quella povera, che occulta da sempre i suoi ricicli alimentari sotto la copertura ubriacante dell’aceto. E di quella ricca, che ha fatto degli aspretti la piattaforma da cui lanciarsi verso le galassie della gourmandise. 

Avatar
admin
Related article
Jodice e i fuochi (con friggitoria) di sant’Antonio – Il Mattino del 16 gennaio 2023

Jodice e i fuochi (con friggitoria) di sant’Antonio – Il Mattino del 16 gennaio 2023

Prendi un Santo, aggiungi un celebre fotografo, mettici il Rione…

San Gregorio Armeno e la febbre del presepe che contagia Napoli – Il Mattino del 5 dicembre 2022

San Gregorio Armeno e la febbre del presepe che contagia Napoli – Il Mattino del 5 dicembre 2022

La febbre presepiale surriscalda il corpo di Napoli. Nei decumani…

Estratto di “Il presepe. Una storia sorprendente”(Il Mulino editore) pubblicato il 9 novembre su Il Mattino

Estratto di “Il presepe. Una storia sorprendente”(Il Mulino editore) pubblicato il 9 novembre su Il Mattino

   

Type your search keyword, and press enter to search