Menu & Search

Colpa della crisi se la bistecca è ristretta – il Caffè

13 Novembre 2016

article44_1_largeDa simbolo di benessere il consumo della carne diventa barometro economico. In tutto il Vecchio Continente nel Dopoguerra la crescita di produzione bovina, poi superata da quella suina, ha contrassegnato un lungo periodo di benessere finendo per trasformare il consumo di carne in un barometro dello stesso. Così come il boom del pollame, dal 2008, è diventato simbolo della carne “anticrisi”. Le statistiche europee, e anche quelle Ocse, da qualche tempo registrano una flessione nella vendita di carne in generale, certo non giustificato dalla tendenza delle cucine vegane e vegetariane. Una variazione nelle abitudini alimentari che, secondo l’antropologa Elisabetta Moro, non fa altro che riflettere la lunga crisi economica che non solo attanaglia da anni molti Paesi europei, ma costringe buona parte della popolazione continentale a “stringere la cinghia”, togliendo dal menu domestico proprio quei piatti di carne che, da decenni, erano stati considerati il raggiungimento di un benessere da parte di intere classi sociali. 

Avatar
Elisabetta Moro
Related article
Articolo sulla convivialità per La Lettura del Corriere della Sera

Articolo sulla convivialità per La Lettura del Corriere della Sera

Quest’anno Natale non si è presentato come Dio comanda. Manca…

Gli artisti, tormentati e solitari perché animati dal soffio della genialità – il Caffè

Gli artisti, tormentati e solitari perché animati dal soffio della genialità – il Caffè

Domenica su IlCaffe Settimanale ho raccontato la storia di alcuni…

La giornata del cibo: L’illusione dell’Onu di cancellare in 10 anni la fame nel mondo – Il Mattino

La giornata del cibo: L’illusione dell’Onu di cancellare in 10 anni la fame nel mondo – Il Mattino

Una parte dell’umanità non sa come fare a mangiare. L’altra…

Type your search keyword, and press enter to search