Menu & Search

Basta carne: oggi sul presepe trionfa la dieta mediterranea – Liberi Tutti del Corriere

7 Dicembre 2018

La dieta mediterranea è la nuova protagonista del presepe napoletano.
Spaghetti, cozze, capitoni, mozzarelle, meloni, mele, caciocavalli, olive e taralli riempiono la scena della Natività.
Per un banchetto festivo che tiene insieme gusto e salute, sapore e leggerezza. A farne le spese sono i tradizionali banchi dei macellai, con i sontuosi quarti di bue grasso e i festoni di salsicce che per almeno tre secoli hanno rappresentato l’abbondanza. Il sogno di un popolo di poveri che almeno a Natale si augurava di mangiare come ricchi. E la proteina animale era il classico boccone da re. Per questo gli artigiani davano il meglio con la cacciagione penzolante dai ganci delle botteghe e con i maiali appesi. Era la versione in 3D di quelle nature morte d’autore che la borghesia esibiva in sala da pranzo. Ma nel frattempo qualcosa è cambiato. Bistecche e salami sono diventati cibo quotidiano e hanno perso l’aura. Lasciando il posto alle nuove passioni del cittadino globale che, per ragioni etiche o dietetiche, rinuncia ai piaceri della carne. Così accanto al  bambinello, gli appassionati del presepe piazzano fruttivendoli e ovaiole, panettieri e casari, pescivendoli e tarallare. Ceste di mele annurche e grappoli di pomodorini del piennolo. Lo attesta una ricerca del MedEatResearch, il centro di ricerche sociali sulla dieta mediterranea dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. E la stagionalità, mantra di questo stile di vita, viene riaffermata in questa Babele di terracotta traboccante di arance, cachi, castagne, melograni, broccoli e carciofi. Il personaggio dell’anno è il pizzaiolo la cui arte, un anno fa, è stata dichiarata patrimonio dell’umanità. Vestito di bianco, con in mano la pala da forno, il maestro della margherita va a ruba tra le bancarelle di San Gregorio Armeno. Si obbietterà che al tempo di Gesù tutto ciò non esisteva. Vero. Ma il presepe è da sempre un giocattolo rituale, un Vangelo in dialetto, dove passato e presente diventano contemporanei. Tanto che nell’800 raffiguravano Erode mentre assisteva impassibile alla strage degli innocenti sorseggiando una tazzina di caffè. Fatto con la Napoletana, of course!

Avatar
Elisabetta Moro
Related article
Una vita con le sirene incantatrici – Corriere della Sera

Una vita con le sirene incantatrici – Corriere della Sera

Le sirene hanno tremila anni, ma non li dimostrano. E…

I piccoli casari d’alta quota ora sono militanti ecologisti – il Caffè

I piccoli casari d’alta quota ora sono militanti ecologisti – il Caffè

Davide contro Golia. I casari artigianali sfidano quelli industriali. Riproponendo…

Pomodoro, la salsa universale che profuma la Dolce Vita – il Mattino

Pomodoro, la salsa universale che profuma la Dolce Vita – il Mattino

È il cuore rosso della dieta mediterranea. Ma fino a…

Type your search keyword, and press enter to search