Menu & Search

Asparagi – il Caffè

1 Aprile 2012

L’omaggio dei Romani alla divinità dell’amore. È il più inflessibile degli ortaggi. Si spezza, ma non si piega. Soprattutto quando è fresco e croccante. Perché l’asparago sbuca dalla terra con una forza sorgiva che è l’emblema stesso della primavera. Un concentrato di linfa vitale racchiusa in una trama fittissima di fibre vegetali. Con un sapore intenso e al tempo stesso delicato. Stuzzicante senza essere stucchevole. Oggi si coltiva in tutto il mondo. E i mercati europei durante l’inverno sono invasi da mazzi verdissimi che arrivano dal Cile. Ma ora è il grande momento delle varietà autoctone, che con il favore del sole si prendono la loro meritata rivincita.

Avatar
admin
Related article
Ottocento anni di umanità oltre il sacro – Il Mattino del 24 dicembre 2023

Ottocento anni di umanità oltre il sacro – Il Mattino del 24 dicembre 2023

Il presepe compie ottocento anni ma non li dimostra. Era…

Il primo presepe ha la culla vuota – La Lettura del Corriere della Sera del 24 dicembre 2023

Il primo presepe ha la culla vuota – La Lettura del Corriere della Sera del 24 dicembre 2023

Pace! È il messaggio che San Francesco trasmette al mondo.…

Quella serata a Capri cantando in napoletano. Il mio ricordo di Marc Augé su il Mattino del 25 luglio 2023

Marc Augé aveva Parigi nel cuore e il mondo nella…

Type your search keyword, and press enter to search