Menu & Search

Tatuatori & tatuati a Parigi – il Caffè

22 Marzo 2015

La pelle come una carta d’identità. Una volta era un marchio tribale oggi è un format globale. Ma in ogni caso il tatuaggio è sempre una certificazione d’identità scritta sull’epidermide. È la storia che diventa una questione di pelle. Ma niente affatto di superficie e tanto meno superficiale. Perché ogni società ha caricato le pitture corporali di forti significati. Per alcuni, infatti, tatuarsi è un rito di aggregazione, per altri un segno di distinzione. C’è chi lo fa per aderire alla tradizione e chi per metterla in discussione. Come illustra la splendida mostra “Tatoueurs, Tatoués” in corso a Parigi nel museo del Quai Branly fino al 18 ottobre. 

Avatar
admin
Related article

L’Ucraina reclama la zuppa rossa – il Mattino del 16 giugno 2022

La guerra tra Ucraina e Russia si combatte anche a…

Il Papa, le rughe della Magnani e il mito dell’eterna giovinezza – Il Mattino del 9 giugno 2022

Il Papa, le rughe della Magnani e il mito dell’eterna giovinezza – Il Mattino del 9 giugno 2022

Il mito dell’eterna giovinezza va combattuto. Lo ha detto Papa…

Lombardi Satriani e quello sforzo di contraddire gli stereotipi sul sud – Il Mattino di Napoli del 1 giugno 2022

Lombardi Satriani e quello sforzo di contraddire gli stereotipi sul sud – Il Mattino di Napoli del 1 giugno 2022

Abbiamo perso un grande intellettuale che aveva a cuore il…

Type your search keyword, and press enter to search